15.jpg

FraGenziane - Fragmented Gentiana pneumonanthe populations, habitats and associated fauna in local ecological network

Informazioni

Dati generali

Bando

Connessione ecologica (2014)

cerca tutti i progetti di questo bando ›

Titolo

FraGenziane - Fragmented Gentiana pneumonanthe populations, habitats and associated fauna in local ecological network

Localizzazione
  • GALBIATE (LECCO) | LENTATE SUL SEVESO (MONZA E BRIANZA) | NOVEDRATE (COMO) | SEVESO (MONZA E BRIANZA) | CERIANO LAGHETTO (MONZA E BRIANZA) | SOLARO (MILANO) | CESATE (MILANO)
Date

Avvio: 01/01/2015

Conclusione: 31/12/2017

Ente capofila

Consorzio Parco Regionale Monte Barro Via Bertarelli, 9 - 23851 GALBIATE (LC) LOMBARDIA

Guarda i progetti dell'ente >

Importi

Budget progetto 425.818 €

Contributo Fondazione Cariplo 240.000 €

Partner
  • Università degli Studi di Milano | IIS Luigi Castiglioni | Università degli Studi di Pavia | Parco Regionale delle Groane | WWF Italia | DISTRETTO FLOROVIVAISTICO ALTO LOMBARDO | Università degli Studi di Milano Bicocca | Consorzio del Parco Brughiera Briantea | Lega Italiana Protezione Uccelli Onlus (LIPU)

Sinergie

Questo progetto è collegato al progetto Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro, finanziato da Fondazione Cariplo nell'ambito del bando Connessione ecologica (2012)

Descrizione del progetto

Obiettivi

Gli obiettivi del progetto sono:- la realizzazione simultanea di interventi mirati sugli habitat d'interesse lungo il corridoio primario Fiume Lambro e Laghi Briantei, inclusi il rafforzamento delle popolazioni esistenti e una reintroduzione di G.pneumonanthe, il contenimento e dove possibile l'eradicazione delle specie esotiche, la messa a dimora di piante autoctone certificate;- l'aggiornamento delle conoscenze sulle specie e sugli habitat in esame a livello regionale, sfruttando i risultati dei monitoraggi pre e post-intervento e la costituzione di una rete di controllo post-progetto;- la sensibilizzazione e il coinvolgimento attivo di fasce sempre più ampie della popolazione nella conservazione di specie e habitat, agendo sul vasto pubblico con attività didattiche tradizionali, sui futuri tecnici agrari dell'Istituto Castiglioni, sul volontariato naturalistico-ambientale, sul mercato florovivaistico lombardo.

Azioni

Il progetto prevede 4 azioni:- monitoraggio pre-intervento, comprendente il monitoraggio delle vegetazioni, la caratterizzazione delle popolazioni note di genziana (inclusa analisi genetica e della fitness riproduttiva), l'analisi delle popolazioni di maculinea alcon (lepidottero), il monitoraggio di anfibi, rettili e uccelli per la calibrazione degli interventi;- interventi, inclusi il ringiovanimento degli habitat in esame, il controllo delle specie floristiche esotiche, la reintroduzione di Gentiana pneumonanthe, il reinserimento di altre specie autoctone tipiche dei biotopi, l'ottimizzazione dei protocolli di coltivazione di genziana e l'immissione di questa specie sul mercato vivaistico lombardo;- monitoraggio post-intervento, per la verifica dell'esito degli interventi in particolar modo sulle popolazioni di genziana e maculinea;- comunicazione e divulgazione, incluse attività divulgativa per il vasto pubblico, didattica per gli studenti dell'Istituto di Istruzione Superiore Castiglioni di Limbaite, attività di istruzione dei volontari lombardi.

Risultati

I principali risultati attesi sono:- ringiovanimento e miglioramento delle brughiere e dei molinieti nei siti di intervento;- reintroduzione e ripopolamenti diffusi con messa a dimora almeno 5.000 piante di Gentiana pneumonanthe;- mappatura e caratterizzazione delle popolazioni di Gentiana pneumonanthe della pianura lombarda e di Maculinea alcon nei siti di intervento;- ottimizzazione del protocollo di coltivazione di Gentiana pneumonanthe e immissione della specie sul mercato vivaistico lombardo quale pianta autoctona certificata;- stesura delle linee guida per il reinserimento in natura di Gentiana pneumonanthe applicabili in Italia e in Europa in siti dove la specie è rara o localmente estinta;- divulgazione tradizionale ad un vasto pubblico e attività didattica diretta specificamente agli studenti della scuola secondaria di secondo grado;- costituzione di una rete regionale di volontari capaci di monitorare in modo unificato genziana, Maculinea e gli habitat in cui queste specie vivono.

Valutazione complessiva del progetto

Il progetto ha contribuito alla conservazione di un habitat significativamente in contrazione, nell'area pedemontana lombarda e piemontese, attraverso un innovativo approccio specie - specifico (Gentiana pneumonanthe è specie tipica degli ambienti di brughiera e dei prati umidi). In relazione alla superficie conservata, vale la pena evidenziare che su circa 4 ha di superfici di habitat 4030 sono stati effettuati interventi di reintroduzione della specie, mentre sui rimanenti 10 ha circa sono stati condotti interventi di miglioramento dell'habitat della specie e di restocking.

Nel medio - lungo periodo, ci si aspetta la perpetuazione degli interventi effettuati, anche grazie alla sinergia creatasi tra Parco Groane e PLIS Brughiera Briantea, oggi uniti in un unica vasta area protetta regionale.

Non ha invece avuto successo l'obiettivo di incrementare l'attrattività commerciale della principale specie target (Gentiana penumontanthe); probabilmente gli sforzi dovrebbero essere estesi su un periodo più lungo, con un maggiore coinvolgimento di partner "commerciali".

Punti di forza:

- approccio innovativo

- coesione e affiatamento del partenariato

-efficacia degli interventi di ripristino dell'habitat e di conservazione della specie, sia in situ che ex situ

Punti di debolezza:

- mancanza di una prospettiva progettuale di lungo termine, anche in ragione dello status di tutela (più che di vonservazione) della specie target che non permette interventi attraverso altri strumenti di finanziamento (es. LIFE)

- difficoltà nell'estendere il modello a più vaste superfici a causa dell'indisponibilità delle proprietà (molte superfici afferenti all'habitat 4030 sono di proprietà privata)

90% EFFICACIA
degli
interventi

Output

Interventi di riqualificazione/creazione di habitat e di tutela delle specie
  • Numero di cenosi erbacee ripristinate 12
  • Estensione totale delle cenosi erbacee ripristinate 150.000 m2
  • Numero di habitat ripristinati presenti nell'Allegato I Direttiva Habitat 1
  • Elenco e codice RETE NATURA 2000 per gli habitat ripristinati

    Lande secche europee: 4030

  • Numero di specie tutelate dalla L.R. 10/2008 (Gentiana pneuomonanthe) 1 Specie Numero di specie tutelate e inserite nella Lista Rossa Nazionale (VU) (Maculinea alcon) 1 Specie Numero di studi sulla genetica di popolazione (Gentiana pneumonanthe) 1 Unità Numero di siti in cui è stata effettuata la reintroduzione/restocking della specie target (Gentiana pneumonanthe) 15 Unità Numero di GEV coinvolte nelle attività formative e partecipative 60 Unità Numero di studenti coinvolti nelle attività formative e partecipative 60 Unità Protocollo di coltivazione di Gentiana pneumonanthe 1 Unità

Contatti

Ente capofila

Consorzio Parco Regionale Monte Barro Via Bertarelli, 9 - 23851 GALBIATE (LC) LOMBARDIA

http://www.parcobarro.lombardia.it/_parco/

direttore@parcobarro.lombardia.it

0341542266

Referente di progetto

Mauro Villa

direttore@parcobarro.lombardia.it

0341542266

Sito web progetto

Partner
  • Università degli Studi di Milano | IIS Luigi Castiglioni | Università degli Studi di Pavia | Parco Regionale delle Groane | WWF Italia | DISTRETTO FLOROVIVAISTICO ALTO LOMBARDO | Università degli Studi di Milano Bicocca | Consorzio del Parco Brughiera Briantea | Lega Italiana Protezione Uccelli Onlus (LIPU)

Gli altri progetti dell'Ente

Mappa degli interventi

Livelli in mappa















Gli altri progetti ubiGreen

Bando Connessione ecologica (2014)

La rete ecologica per Anfibi, Insetti e Mammiferi: interventi di potenziamento nel Parco di Montevecchia e Valle del Curone

Ente Consorzio di gestione Parco regionale di Montevecchia e Valle del Curone

Localizzazione

Progetto in corso...

Bando Connessione ecologica (2012)

Budget 260.000 €

Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro

Ente Consorzio Parco Regionale Monte Barro

Localizzazione

Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro

Budget 260.000 €

Contributo 133.000 €

Bando Connessione ecologica (2012)

Budget 217.000 €

La cerniera verde del nord-ovest: realizzazione della connessione ecologica interprovinciale tra le province di Milano e Varese

Ente Comune di Cesate

Localizzazione

La cerniera verde del nord-ovest: realizzazione della connessione ecologica interprovinciale tra le province di Milano e Varese

Budget 217.000 €

Contributo 110.000 €

Bando Connessione ecologica (2015)

Budget 281.000 €

L.A.CUST.R.E. - Lavori in Alveo per CUSTodire la Rete Ecologica

Ente Comune di Toscolano Maderno

Localizzazione

L.A.CUST.R.E. - Lavori in Alveo per CUSTodire la Rete Ecologica

Budget 281.000 €

Contributo 250.000 €