28102010508

Per una gestione partecipata nell'ovest Milano: integrazione del sistema irriguo e volontariato cittadino

Informazioni

Dati generali

Bando

Gestione sostenibile delle acque (2005)

cerca tutti i progetti di questo bando ›

Titolo

Per una gestione partecipata nell'ovest Milano: integrazione del sistema irriguo e volontariato cittadino

Localizzazione
  • MILANO
Date

Avvio: 01/04/2005

Conclusione: 01/08/2010

Ente capofila

Italia Nostra onlus Viale Liegi, 33 - 00198 ROMA (RM) ITALIA

Importi

Contributo Fondazione Cariplo 100.000 €

Altri finanziatori
  • Comune di Milano, Infrastrutture Acque Nord Milano s.p.a., Cittadinanza Comune di Milano

Descrizione del progetto

Obiettivi

Il progetto ha l’obiettivo di migliorare la funzionalità idro-ecologica del sistema delle acque ovest Milano per garantire un deflusso minimo vitale nel sistema irriguo che alimenta i bacini degli orti urbani e delle aree di natura presenti nel Boscoincittà. Inoltre realizza una nuova area di natura (giardino d’acqua) per consolidare la rete ecologica già esistente. Sul piano formativo e culturale, si pone l’obiettivo di aumentare la conoscenza degli aspetti naturalistici e storici attraverso visite guidate, materiali divulgativi, campagne di attivazione dei cittadini nella gestione e manutenzione diretta del giardino d'acqua e del sistema irriguo.

Azioni

Le azioni di progetto sono:

  • realizzare e sistemare uno spazio specializzato nel parco per costituire un giardino d'acqua, anche attraverso l'utilizzo di metodi di ingegneria naturalistica; nel giardino verranno insediate specie igrofile presenti nelle zone umide, nei laghetti, nei corsi d'acqua del parco;
  • sollevamento di acque di prima falda utilizzando pompe ad energia solare al fine di garantire l'alimentazione degli invasi della zona umida in località Figino, ai bacini per l'irrigazione degli orti, al giardino d'acqua di nuova realizzazione;
  • interventi per la realizzazione di nuovi manufatti per la regimazione delle acque, manutenzione dei fontanili esistenti e realizzazione di nuove tratte di canali per la connessione e la funzionalità delle nuove opere con la restante porzione del sistema irriguo;
  • escavazione pozzo e posizionamento pompa per alimentare il giardino d’acqua con acqua di prima falda nel periodo invernale;
  • visite guidate e incontri di formazione rivolti alla cittadinanza per favorire la conoscenza del parco, del giardino d’acqua e del sistema irriguo;
  • viaggio di studio a Parigi per conoscere e approfondire l’esperienza di Paris Nature;
  • campagna di volontariato, sviluppata con quattro iniziative:operazione canali, gruppo Fiori del tempo libero,  domeniche di volontariato e campo di volontariato internazionale;

Infine il Il progetto è stato pubblicizzato attraverso varie iniziative pubbliche.

Risultati

I risultati di progetto sono: - realizzazione di un invaso (profondità media dell'acqua 70 cm; superficie totale della linea di scavo mq 5.800) da adibire a giardino d'acqua con specie igrofile autoctone; - realizzazione di due pompe ad immersione per il reperimento di 6 l/secondo d'acqua di pima falda; - incremento della dotazione di acqua nei periodi di maggior criticità ambientale (primavera); - incremento della fauna e della flora igrofila; - realizzazione sul territorio di un punto dedicato all'illustrazione della varietà di specie presenti nelle zone umide del parco; - partecipazione di ortisti, altri volontari e scuole alla manutenzione degli oltre 15 chilometri di canali del sistema irriguo; - aumentare la conoscenza da parte dei cittadini delle valenze storiche naturalistiche e paesaggistiche del territorio oggetto dell'intervento.

Valutazione complessiva del progetto

Il risultato generale dell’intera operazione è la trasformazione di un’area del Boscoincittà denominata “Ampliamento”, in concessione all’Associazione a partire dal 1994. Questa  trasformazione fornisce nuove attrazioni per i frequentatori del parco che attualmente tendono a concentrarsi intorno all’area della Cascina San Romano. La trasformazione di questo sito ha avuto  l'effetto di polo attrattore naturalistico verso aree del parco poco conosciute e sotto utilizzate. Gli interventi sulla rete idrica hanno consentito di:

  • realizzare il giardino d'acqua e mantenerlo a regime grazie ad un corretto sistema di approvigionamento e deflusso delle acque;
  • rendere efficace e funzionale il sistema irriguo sui tre diversi sistemi d’acqua, fra loro indipendenti ma coordinati nelle finalità paesaggistiche e ambientali;
  • incrementare la dotazione di acqua nei periodi di maggiore criticità ambientale  garantendo un deflusso minimo vitale nel sistema irriguo che alimenta i bacini degli orti urbani e delle aree di natura presenti nel Boscoincittà. In particolar modo è stato possibile garantire, con la realizzazione del giardino d'acqua, un invaso di accumulo per l'approvvigionamento idrico dei due grandi lotti ortivi (orti violè1 e 2).

Inoltre  la rete ecologica  esistente si è ampliata e consolidata. Infatti, il giardino d’acqua si colloca nel più vasto sistema di aree a valenza naturale che, nell’ambito dell’ampia scala di Parco Agricolo Sud Milano sono poste in continuità tra loro per formare dei corridoi ecologici e collegare le aree verdi del nord-ovest Milano.
Con la realizzazione di questo progetto è stata favorita e aumentata la conoscenza degli aspetti naturalistici e storici del territorio.
Dal 2005 a oggi  è attivo un gruppo di volontari denominato "i fiori del tempo libero", persone coordinate da un operatore del parco che si sono occupate, una volta alla settimana,  prima di esplorare  il territorio, identificare le fioriture spontanee, poi di piantumare e  realizzare il giardino d’acqua dove collezionare, in associazione tra loro, le specie che crescono nei corsi d’acqua e nelle zone umide. Attualmente si occupano di mantenere, apportando le opportune modifiche, il giardino d'acqua, rendendolo un luogo estremamente curato. 
Oltre a ciò sono in programma ancora oggi  le di campagne di attivazione dei cittadini nella gestione diretta del giardino d’acqua e del sistema irriguo.
E' consultabile  sul sito del cfu o presso la biblioteca del centro il quaderno dedicato al giardino d'acqua con le schede botaniche relative alle specie insediate.

Punti di forza:

  • Completamento del sistema irriguo e ottimizzazione delle risorse idriche sui tre livelli: 1 - acque per l’irrigazione agricola 2 - acque per l’approvvigionamento degli orti urbani 3 - acque per le aree umide naturalistiche
  • Incremento dell'afflusso di persone nelle aree a nord del parco grazie alla creazione di un nuovo polo attrattivo 
  • Coinvolgimento continuo della cittadinanza
  • Incremento della conoscenza della gestione del verde e delle acque e sensibilizzazione sulle tematiche ambientali Incremento della biodiversità 

 Punti di debolezza:

  • Lunghezza dei tempi di realizzazione
  • Ridotto utilizzo del prelievo acque di prima falda

90% EFFICACIA
degli
interventi

Output

Studi e piani per la gestione delle acque superficiali
  • Pompa prelievo acqua di falda 6 l/sec Canali intubati 380 m Canali in terra con fondo in cls 154 m Manufatti di regimazione delle acque 4 Pozzetti e pompe irrigazione orti 8 Palizzate in legno 267 m
Ripopolamenti faunistici/floristici e azioni di contenimento delle specie alloctone invasive
  • Numero di specie vegetali ripopolate 45
  • Elenco delle specie vegetali ripopolate Salix rosmarinifolia, Salix purpurea, Phragmites australis, Carex ss.pp., Euphorbia lathyris, Tanacetum vulgare, Achillea collina, Oenothera biennis, Verbascum phlomoides , Helianthus tuberosus , Petasites hybridus, Artemisia absinthium, Myosotis scorpioides , Agrimonia eupatoria , Mentha aquatica, Alisma plantago-aquatica, Nasturtium officinalis, Epilobium hirsutum, Lythrum salicaria, Lysimachia vulgaris, Astragalus glycyphyllos, Dryopteris filix-mas, Equisetum arvense, Equisetum telmateja, Pteridium aquilinum, Solidago canadensis, Equisetum arvense, Tussillago farfara, Aegopodium podagraria, Pulicaria dysenterica, Lotus corniculatus, Viola arvensis, Trifolium arvense, Juncus effusus, Dipsacus fullonum, Daucus carota, Ranunculus repens, Nymphaea alba, Scrophularia nodosa, Cyperus longus, Sparganium erectum, Cornus sanguinea, Hypericum perforatum, Viburnum opulus, Salix viminalis, Salix caprea, Stachys palustris, Typha latifolia, Polygonum amphibium, Iris pseudacorus,

Contatti

Ente capofila

Italia Nostra onlus Viale Liegi, 33 - 00198 ROMA (RM) ITALIA

http://www.cfu.it

info@cfu.it

024522401

Referente di progetto

Anderloni Silvio

ufficiotecnico@cfu.it

024522401

Mappa degli interventi

Livelli in mappa















Gli altri progetti ubiGreen

Bando Gestione sostenibile delle acque (2005)

Budget 263.133 €

Coordinarsi per agire insieme sulle acque del Sebino

Ente Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi

Localizzazione

Coordinarsi per agire insieme sulle acque del Sebino

Budget 263.133 €

Contributo 140.000 €

Bando Gestione sostenibile delle acque (2005)

Budget 158.654 €

Rinaturalizzazione Brembiolo - tratto meandriforme presso la Località Mulino Colombara

Ente Comune di Casalpusterlengo

Localizzazione

Rinaturalizzazione Brembiolo - tratto meandriforme presso la Località Mulino Colombara

Budget 158.654 €

Contributo 60.000 €

Bando Gestione sostenibile delle acque (2005)

Budget 94.000 €

Monitoraggio delle acque derivate da Po a Boretto: sostenibilità dell'uso delle risorse idriche nelle aree lombarde dell'oltre Po Mantovano

Ente Consorzio di bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po

Localizzazione

Monitoraggio delle acque derivate da Po a Boretto: sostenibilità dell'uso delle risorse idriche nelle aree lombarde dell'oltre Po Mantovano

Budget 94.000 €

Contributo 50.000 €

Bando Gestione sostenibile delle acque (2006)

Budget 602.258 €

CARIPANDA - CAmbio climatico e Risorsa Idrica nel PArco Naturale Dell’Adamello

Ente Comunità Montana di Valle Camonica

Localizzazione

CARIPANDA - CAmbio climatico e Risorsa Idrica nel PArco Naturale Dell’Adamello

Budget 602.258 €

Contributo 355.000 €